In sella signore!

Biciclette senza frontiere

baegcedj

Un colpo di pedale e il velo di Fatima si scompiglia un poco, complice pure la giornata ventosa. Dai tavolini dei salon de thé di Place Saint-Jean-Baptiste gli uomini osservano meditabondi dietro i loro bicchieri fumanti.

Siamo a Molenbeek, il quartiere di Bruxelles divenuto tristemente famoso in seguito agli attentati di Parigi. Area di fortissima immigrazione intra- ed extra-europea, si trova a 5 minuti suppergiù dalla Grand Place ed è anche conosciuta come “la Piccola Marrakech” di Bruxelles, il ghetto marocchino, “Molenkech” e chi più ne ha più ne metta.

In realtà, questo comune della cosmopolita Bruxelles è un contesto urbano estremamente complesso e differenziato al suo interno: a forti dinamiche di chiusura e conflitto, si intrecciano grandi momenti di evoluzione sociale, culturale ed urbana. Come quella di Dar al Amal, la “casa della speranza” delle donne di Molenbeek. E’ lì che incontriamo Carmen Sanchez, occupata in una chiassosissima ma incantevole lezione di musica e canto.

Ma Carmen è soprattutto l’ideatrice ed animatrice di “A vélo mesdames!”, corsi al femminile per debuttanti della bicicletta. Dal 2003 ha svolto questa attività di vélo-educatrice, in partenariato con diverse realtà attive e radicate nella vita dei quartieri, mettendo in sella oltre 2.500 donne di tutte le età e provenienze.

“Il primo obiettivo – spiega Carmen – è dare alle donne fiducia in sé stesse, insegnare loro a superare le paure e i freni, a circolare nel traffico e soprattutto a sapersi mostrare in pubblico. Le differenze di genere nella mobilità appartengono a molte culture, non solo a quella araba”. Per non parlare dei sottointesi sessuali e delle leggende sulla sterilità che, si badi bene, furono oggetto di un acceso dibattito pure nell’Europa di fine Ottocento.

Quando questo progetto decollò, ci spiega Carmen, c’erano ancora delle reazioni contrarie: “Un gruppo di 15 donne in bicicletta, quasi tutte col velo, faceva senza dubbio un certo effetto. E lo fa tutt’oggi, ma le cose stanno decisamente cambiando. Sono in molti, per strada, ad applaudirci ed incoraggiarci”. Ed infatti oggi a Bruxelles – lo confermano gli studi – sono sempre di più le donne che scelgono la bicicletta come mezzo di trasporto privilegiato per la loro quotidianità. Imane, 30 anni, di origine Marocchina ha deciso di montare in sella per andare a lavoro: “quando ero bambina non vollero insegnarmi a pedalare soprattutto perché temevano che facessi un incidente. Un bel giorno mi sono stufata di tutte le problematiche del traffico mattutino ed ho deciso che sarei andata a lavoro in bicicletta, guadagnando in salute e minuti preziosi”.

Al Vaartkapoen – associazione fiamminga, che testimonia una volta di più come Molenbeek sia un’autentica frontiera culturale – un gruppo di donne organizza le più svariate attività. Fatiha è stata dapprima allieva di Carmen, poi si è “messa in proprio” disseminando il verbo della bicicletta tra le donne del quartiere. I corsi seguono varie tappe: dai rudimenti del codice della strada, alle lezioni di equilibrio sulla draisina. Poi si va al parco per imparare a frenare, a svoltare e a lasciare una mano restando in sella. “Fin da bambina – racconta Fatiha – sognavo di andare in bicicletta, cosa tutt’altro che scontata nella nostra comunità. Oggi posso uscire da sola ed al tempo stesso ho l’occasione di socializzare con molte persone”.

Simbolo di autonomia di movimento e di libertà, la bicicletta ha rappresentato fin dalla sua comparsa uno straordinario strumento di emancipazione femminile. Quello di Carmen e Fatiha, è pertanto anche un lavoro sul corpo della donna nello spazio pubblico, in una società come quella arabo-mussulmana, dove lo sguardo dell’altro è molto importante. Rompere l’immaginario sociale che relega la donna all’ambito domestico, significa anche restituirle il diritto alla mobilità. Un colpo di pedali permette così di intraprendere il cammino dell’emancipazione e della coesione sociale.

Al Cercle des Voyageurs, sprofondato nelle vecchie poltrone di cuoio marron, incontriamo Marco Benedetti. Da anni fa la spola tra Bruxelles e Casablanca, nella sua veste di dirigente della Fedération Royale Marocaine de Cyclisme e consulente della European Cyclists’ Federation: “Il successo di programmi di alfabetizzazione ciclistica al femminile come quelli di Molenbeek non sono casuali. In Marocco, complice la mancanza di risultati in sport tradizionalmente competitivi come calcio e atletica, si sono visti specifici programmi di finanziamento per sviluppare il ciclismo, con la raccomandazione da parte della casa reale di favorire le ragazze. Ora abbiamo circa 80 ragazze che fanno ciclismo agonistico, sia su strada che pista.”

Viene da pensare al film La Bicicletta Verde, prima produzione della regista saudita Haifaa Al Mansour. La pellicola, presentata a Venezia nel 2012, racconta la storia di una ragazzina ribelle, Wadjda, che sfida tutti i limiti imposti dalla sua cultura e vuole disperatamente una bicicletta per poter battere l’amico Abdullah in una gara. Nel gennaio 2013, la monarchia saudita ha emanato il decreto che sancisce, per la prima volta, il diritto delle donne di poter andare in bicicletta, sebbene vestite modestamente, accompagnate e per “scopo di divertimento”.

Categorie:Uncategorized

Molenbeek, frontière d’Europe

12 dicembre 2015 1 commento

Je dois dire que la première fois que je mis le pied à Molenbeek, en plein marché du jeudi, j’eus l’impression d’être tombé au milieu du souk de Marrakech. Plutôt déstabilisant. A deux pas de là – je venais de lire Houellebecq (Soumission) – je confondis la Basilique de Simonis avec une immense Mosquée. C’est dire le conditionnement ….
Plusieurs fois, à mon arrivée à Bruxelles, on m’avait vivement déconseillé de « traverser le canal », découvrant, bien vite, que la majeure partie d’entre eux n’y avait jamais été. Avec le temps, j’affrontai ma perplexité et les préjugés collectifs, qui amènent nos yeux à voir des choses qui n’existent point. Aujourd’hui, je considère le fait de vivre ici à Molenbeek comme une grande opportunité.
Ces jours-ci, la commune est tristement à l’honneur de l’information : ce qui est pour tous un cas de terrorisme international, ici, est aussi une histoire de quartier. Depuis dimanche dernier, sur la place communale, les soirées sont inhabituellement illuminée par les projecteurs. Le cirque médiatique a décrété le grand moment de Molenbeek. Caméra sur l’épaule, tous à raconter le laboratoire du terrorisme international…
Ayant appris les faits de Paris, j’admets que j’ai soigneusement évité de fréquenter l’information. Et je l’ai fait délibérément: afin de mieux réfléchir. Dans ce genre de cas -ça a été étudié scientifiquement- les médias deviennent obsessifs et monomaniaques. Ils tendent à réciter leur propre mantra dans une sorte d’hypnose collective.
Parfois c’est pire, citons l’article du Messaggero du 15 novembre, signé par Giulia Aubry. Il m’a été envoyé par un ami et je ne l’ai lu que d’un œil pour ne pas trahir ma résolution. Mais c’est seulement un exemple entre tant d’autres. Ce genre d’ « information » insinue des stéréotypes pour la bonne cause du sensationnalisme. L’image d’un quartier soumis à la Charia ne correspond pas du tout à la réalité des choses.
J’ai reçu plusieurs appels et messages, de la part d’amis de toute Europe et de l’Italie. Évidemment ils avaient lu les quotidiens et me demandaient si j’allais bien à Molenbeek … si j’étais sain et sauf à Molenkech ! J’ai essayé de leur expliquer que la situation est bien différente et plus complexe que les caricatures médiatiques.
Ces jours-ci, en marchant dans les rues du quartier, j’ai surtout observé une chose, qui est difficilement mesurable : les yeux des gens. A part la peur, j’y ai lu autre chose: la défaite. Ces personnes ont doublement perdu, car ils seront toujours étiquetés comme les habitants du “ghetto terroriste”. Depuis que j’habite ici, il y a environ un an, j’ai connu des dizaines de personnes, d’associations et d’amis actifs dans le quartier. Ceux-ci, parmi lesquels beaucoup de femmes, luttent pour rendre à Molenbeek une image plus ouverte, plus véridique et multiculturelle. Ce sont ces gens qui ont pris la plus grande claque. Et ils sont maghrébins mais aussi français, belges, roumains, africains et italiens. A propos des italiens, peu savent qu’avant d’être le ghetto marocain, Molenbeek fut le point d’arrivée de nombreux italiens. Les noms sur les sonnettes en témoignent encore, il suffit de faire un tour dans le quartier. C’était la seconde vague migratoire, à partir des année 70, et ils venaient surtout des mines. Passer aux usines de Molenbeek était une occasion d’émancipation. Molenbeek a toujours eu cette vocation de quartier de passage, à sa manière un tremplin social. En tant qu’italien à Molenbeek, je me sens participant de cette histoire, d’appartenir à ma façon à la troisième ou quatrième vague d’immigration.
Mes enfants fréquentent une des crèche du centre, un exemple authentique de mixité. Mais j’ai aussi découvert de nombreuses réalités, à partir du Vaartkapoen, néerlandophone, connu pour sa salle de concert, vrai lieu d’intégration et de dialogue en dehors de toute rhétorique (avec son Café Quartier et beaucoup d’autres initiatives). Et puis il y aussi la Maison des Cultures, justement appelée “des cultures” et non de la culture. Ou des associations comme TYN (Talented Youth Network), clairement enracinés dans le quartier et qui ont pour mission de travailler avec la potentialité des jeunes, en développant leur capacité et leur engagement citoyen. J’ai fréquenté les agréables apéritifs du Centre Maritime et de radio Maritime, où le quartier se rencontre et se raconte. Et je vous assure qu’il y avait de la bière! Le boulanger en dessous de chez moi parle au moins 6-7 langues, sans compter les bribes d’italien. Je lui ai demandé où il les avait appris. Il m’a répondu “ici, pour vendre le pain, il faut bien”.
Rencontrant toutes ces réalités, j’ai toujours pensé une seule chose: que Molenbeek – et des Molenbeek il en existe certainement d’autres en Europe – est un laboratoire, une frontière. Loin de moi de vouloir nier ce qui a plus ou moins était largement démontré. Ça ne m’intéresse pas de faire de l’apologie, mais, vouloir étiqueter ainsi cette realité, c’est non seulement la condamner à la ségrégation, mais aussi se condamner soi-même au conflit.
Parce que le conflit y existe, et on le perçoit. Ces derniers mois, j’ai eu l’occasion de travailler, principalement dans la rue, pour une enquête de la Région de Bruxelles. J’ai parlé avec des centaines de personnes et j’ai compris que, à tort ou à raison, le conflit social est lourd, et il s’est aggravé avec la crise économique. Ceci est certainement un humus en rien prometteur, encore pire si on l’arrose de préjugés (dans les 2 sens). Il y a beaucoup de malentendus et , d’italien, j’ai essayé de “leur” expliquer mon point de vue: que, si l’Etat Belge demande beaucoup, il donne aussi largement. Pour celui qui sait se bouger, des opportunités, il y en a. J’ai invité ceux qui se plaignent à aller faire un tour en Italie: là, le chômage des jeunes dépasse les 30%, un peu mieux que dans le quartier, mais les aides sociales sont presque inexistantes, pareillement le revenu minimum, les allocations familiales, les formations rémunérées (où tu es payé pour te former) et l’indemnité de chômage.
Vivre ici, en définitive, est certainement un choix, et signifie se mettre en jeu. Mais il est rigoureusement interdit de le faire naïvement. Etant une rencontre à la frontière, soit la relation est authentique, même si difficile, soit elle tombe dans l’hypocrisie et la rhétorique. La confrontation culturelle ne peut avoir une position à priori, c’est un travail quotidien et jamais escompté. La tolérance, je me le répète souvent en ce moment, n’est pas simplement une question de gentillesse ou de grande patience, mais c’est le seul moyen d’éviter la défaite générale. A Molenbeek, dans le cœur de la capitale de l’Europe, l’Europe se confronte avec ses limites et son Autre. Juste ou erroné? c’est l’histoire qui le dira, car il y est accueilli, et laissé libre d’y exprimer sa propre culture. Cela ne pouvait arriver que dans un pays spécial comme la Belgique.
La vraie “lutte contre le terrorisme”, ici en Europe et pas seulement, se fait par la culture. Imaginons un mouvement individuel, intérieur et en même temps collectif, chacun sachant dépasser sa Peur, qui est en grande partie la peur de “l’autre”, toute menace terroriste serait alors fortement affaiblie.
Leggi tutto…

Categorie:Uncategorized

Molenbeek, frontiera d’Europa

Devo dire che la prima volta che misi piede a Molenbeek, in pieno mercato settimanale, mi sentii come consegnato alle fauci di un suk di Marrakech. Piuttosto spiazzante. Poco più in là, fresco di lettura di Houellebecq (Sottomissione), scambiai persino la cattedrale di Simonis per un’immensa moschea. Cosa non fa la suggestione.

Più di qualcuno, al mio arrivo a Bruxelles, mi aveva caldamente sconsigliato di “attraversare il canale”. Salvo scoprire, ben presto, che la maggior parte di loro non ci era nemmeno mai stata. Col tempo e un po’ di caparbietà affrontai le mie perplessità e i pregiudizi collettivi, che portano i nostri occhi a vedere cose che non esistono. Oggi considero il fatto di vivere qui come una grande opportunità.

In questi giorni Molenbeek è tristemente alla ribalta dell’informazione: quello che per tutti è un caso di terrorismo internazionale, qui è anche una storia di quartiere. Da sabato scorso nella piazza comunale le serate sono insolitamente illuminate dai riflettori delle videocamere. Il circo mediatico ha decretato il grande momento di Molenbeek: telecamere in spalla, tutti a raccontare la fucina del terrorismo internazionale…

Ammetto che, dopo aver appreso degli episodi di Parigi, ho evitato accuratamente di frequentare l’informazione. E l’ho fatto deliberatamente: per poter riflettere più liberamente. In casi come questo – è stato scientificamente studiato – i media diventano ossessivi e monomaniaci, tendono a recitare il proprio mantra in una sorta di ipnosi collettiva.

A volte è ancor peggio, si veda il caso, dell’articolo del Messaggero del 15 novembre, firmato da Giulia Aubry. Me l’ha inviato un amico e l’ho letto con un occhio per non tradire il mio intendimento. Ma è solo un esempio tra i tanti. Questo genere di “informazione” insinua in maniera subdola stereotipi solo per la causa del sensazionalismo. L’immagine di un quartiere “sottoposto alla Sharia” non corrisponde affatto alla realtà.

Ho ricevuto diverse chiamate, Leggi tutto…

Quale potere all’Europa? Quali libertà ai suoi cittadini?

Il 29 aprile Il vice-Commissario Europeo Dombrovskis ha fatto visita alle istituzioni economiche belghe. In un’intervista al quotidiano Le Soir (30 aprile 2015) è posta con chiarezza una delle questioni chiave del processo di unificazione europea, ovvero quella dell’equilibrio tra il potere economico centrale della Commissione, la sovranità decisionale dei governi dei singoli stati e i diritti sociali dei cittadini dell’Unione. Dombrovskis cerca di lavarsi l’immagine del “cattivo poliziotto” insistendo sulla distinzione tra diktat e “raccomandazioni specifiche”. Facile per lui fare un discorso del genere in Belgio, che comunque si è preso la briga di mettere spontaneamente in atto politiche classificabili sotto il noto appellativo di “austerity”.

Come ricorda lo stesso vice-commissario i tre pilastri della politica economica europea sono la disciplina di bilancio, gli investimenti e le riforme. In altre parole Leggi tutto…

Non più sovrani ma debitori

Quando il leader greco Tsipras, a commento dell’incontro con Putin afferma che “la Grecia è uno Stato sovrano ed è indiscusso il suo diritto ad avere una politica estera con diverse sfaccettature” tocca uno dei nervi scoperti del processo di unificazione europeo. Come a rivendicare sul piano della politica internazionale – dove appunto l’Unione Europea è latente e spesso impotente – quella sovranità che è minacciata sul piano economico e di cui la Grecia per prima rischia di essere la vittima sacrificale. Ma a quale nozione di sovranità si riferisce Tsipras?

Quando i padri fondatori dell’Europa misero in discussione il mito della sovranità assoluta dello stato, additandola come la radice delle guerre fratricide che avevano sconvolto l’Europa e il mondo nella prima metà del XX secolo, pensavano appunto alla creazione di un solo “popolo” europeo che avrebbe potuto prosperare in pace. Ma il processo auspicato dai grandi padri rimane ancora largamente incompiuto.

Da un lato la sovranità degli stati è oggi messa in discussione di fatto dai processi economici in atto e ciò ha determinato fra l’altro una sostanziale mutazione del significato originario dell’europeismo. Oggi l’Europa ha per molti un significato difensivo, ovvero la conquista per il “popolo europeo” Leggi tutto…

Luce

Buio. null’altro. Silenzio. Tutto questo era prima. Prima che si potesse dire “era”.

Non è la Bibbia, no. E’ la mia immaginazione, la vostra, quella di tutti.

Una mattina, seduto al tavolo davanti a un caffè. Ma che importa.

Come donna nera – nera di abito – nera la chioma. Il voto di luna non lo vedi ancora. Sepolta in un non ancora, non prima, avanti-nulla. Nascosto nell’invisibile, cosa in sé che non è cosa. Cieca volontà era [Schopenhauer].

Ma esisteva? Senza forma né ritratto?

luce, a volte la luce… emerge, accade. INIZIA. E’ così che nasce il mondo, che i mondi vedono la luce. Avremmo voluto esserci. Ma in verità vi assistiamo, ogni volta che sorge il sole.

Tenebra di uomo primitivo, cosa pura, tu sapevi cos’era… le tue notti chiuse, senza punto chiaro a riferire. O, meglio, imparavi a guardare le stelle e sapevi bene il loro mistero. Adoravi il sole, per forza!

Come questo termosifone, la sua forma pesante di ghisa, stile liberty: emerge proprio ora da un raggio di luce, si fa presente in un riflesso così leggero che lo spinge, lo partorisce.

Buio e gravido era il mondo ed ogni notte torna ad esserlo. Luce, luce, luce. Tieni stretta la tua luce, uomo.

Reti a maglie: ripresa fanta-internettiana

Quando nel 2006 fornimmo il primo hotspot veneziano, aprendo deliberatamente il router del nostro studio in Fondamenta della Misericordia, la cosa fece un certo scalpore, tanto che ci guadagnammo qualche titolo di giornale, e non solo. La fondamenta in quel periodo era popolata da gente con i computer, fossero studenti che volevano navigare con un uno spritz o qualche avveduto giapponese. La cosa appariva un po’ bizzarra al tempo. Ricordo che così facendo si infrangeva la legge anti-terrorismo, il famoso decreto Pisanu che vietava espressamente gli hotspot: per accedere ad una rete era necessario essere identificati, perchè, per dirla prosaicamente, qualcuno avrebbe potuto organizzare un attentato connettendosi al tuo router. E non ci fermammo lì… Ma ne è passata di acqua sotto i ponti, e non solo quelli venexiani.

Forse presto, come gli stundenti hongkonghesi (si dice così?) apprenderemo ad organizzarci attraverso reti a maglie…

Al di là degli afflati rivoluzionari, nella rivolta degli studenti di Hong Kong trovo interessante l’utilizzo innovativo del web: http://espresso.repubblica.it/internazionale/2014/10/02/news/hong-kong-firechat-e-le-reti-della-rivolta-1.182805 . In assenza di un provider centrale, tagliato ovviamente fuori dalla censura, gli end-user si auto-organizzano e diventano provider di se stessi, in un’altra parola… fanno rete. La massa fa rete, non è una cosa scontata.

Leggi tutto…

Categorie:Uncategorized